Ultimi casoni di canna a Porto Tolle nel 1927.

Attualmente conto circa 400 antenati indicizzati ma non è una lista completa.

In questo sito ci sono solo persone documentate direttamente e/o indirettamente (cioè vengono citati dei Franzoso in documenti che si riferiscono ad altri Franzoso, per esempio in qualità di testimoni) e naturalmente mi fermo agli anni '30 circa per non incappare nella privacy, e comunque i dati posteriori al 1920 non sono liberamente fruibili.

Al riguardo della privacy, si confrontino il D.P.R. 396/2000 e il D. Lgs. 196/2003 (vedasi inoltre "Massimario dello Stato Civile", "Codice in materia di protezione dei dati personali" e "Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica").

Comunque posso dire che questo è un sito che racconta, dove può, la storia di una "famiglia" normale, di cannaroli, di bovai, di braccianti agricoli o pescatori; non ci sono nobili ma solo gente normale che ha fatto tanti sacrifici, sempre nella miseria ma con onestà e abnegazione. Di una "famiglia" che ha patito le miserie, alluvioni, pestilenze, rigidità di un ambiente deltizio bellissimo ma che non dà scampo nei momenti peggiori.

Non è facile ricostruire questa grande famiglia e farne un sito, ma sono già a buon punto.

Cercando di scoprire le origini dei Franzoso di Ca' Venier (visto che le terre del Bassopolesine ad est dell'attuale S.S. 309 "Romea" hanno cominciato ad essere abitate stabilmente dopo il 1604 circa quando eravamo cittadini della Serenissima Repubblica di Venezia), mi sono imbattuto in altri Franzoso scollegati, ma al momento mi dedico solo ai quelli di Porto Tolle, Rivà, Porto Viro e Taglio di Po; poichè la quasi totalità di questi discende dallo stesso clan familiare di Cà Venier (i Cassandrin).

L' albero che ne sta uscendo non è completo perchè si basa solo sui documenti superstiti da me personalmente consultati o pubblicati trovati su "FamilySearch", sul sito "Antenati", all' Archivio di Stato di Rovigo e, non ultimi, in vari archivi parrocchiali della zona.

Sicuramente qualche dato mi sarà sfuggito, vista anche la riluttanza di alcuni Franzoso a dare informazioni in merito, ma la speranza è tanta e molti appassionati di genealogia - che ringrazio pubblicamente - (soprattutto Michelini Hermes dal Canada, Tonino Canella dal Piemonte, Federico Ferro da Milano, Sergio Piva, dell'archivio storico diocesano di Chioggia, e lo Staff dell' Archivio di Stato di Rovigo ) mi stanno aiutando in questo grande lavoro.

Per il momento mi limito al ramo paterno dei Franzoso; in futuro tratterò pure il ramo materno dei Reggio, originari di Napoli: un'altra storia ancor più interessante visto il Regno in cui abitavano ed i ruoli che hanno ricoperto......

 

 

Il Bassopolesine poco prima del Taglio di Porto Viro (1599-1604).