Incrociando i dati di Tolle, Donzella e di Ca' Venier sono arrivato alla conclusione che esisteva un unico clan familiare di Franzoso-Cassandrin a Ca' Venier, nel Polesine del Zocco già a metà del 1600.

In una famosa lettera del N.H. Nicolò Venier, Patrizio Veneziano, datata 1684, si rendeva edotta la Curia di Chioggia che "è stato necessario di provederli di qualche numero di habitanti" (cioè di popolare anche con "particolar sollecitudine" le Alluvioni del Po appena comprate, n.d.a.). E quindi si chiedeva di concedere il titolo di "Parrocchia" divisa da Contarina alla chiesa erigenda e di assegnare un prete per i nuovi abitanti.

In quegli anni era in atto una vera corsa al "Far East", incoraggiata dalla nobiltà veneziana che necessitava di manodopera per bonificare ed arginare le nuove terre appena sorte.

Come venivano "reclutati" i coloni? Quasi sicuramente tramite bandi "pubblici" che venivano letti ad alta voce "cominciando dai quartieri più popolati e nelle ore in cui era probabile la presenza della gente. Il banditore dell'epoca assumeva un ruolo indispensabile, data la mancanza di qualunque mezzo di informazione."(Wikipedia).

Quindi il ceppo che ha "seminato" il cognome Franzoso nel Delta deriverebbe, allo stato attuale delle mie ricerche, ad un FRANZOSO GIUSEPPE , FRANZOSO ANDREA, FRANZOSO AUGUSTIN, tutti soprannominati CASSANDRIN.

Il soprannome è importantissimo alla luce di una ulteriore scoperta: negli annali Guarnieri-Bocchi, nel 1779 è annotata la morte violenta di un Gio.Maria Franzoso detto CASSARDIN.

Da qui, il primo indizio indiretto ma concreto di un'origine adriese dei "miei" Franzoso. Infatti, nel matrimonio di un figlio di Vallerio, Valerio stesso è espressamente definito "oriondo di Adria": questa è la prova inequivocabile che cercavo da 3 anni e che avevo sempre come mia teoria principe.

Purtroppo, nel contempo, si stan "perdendo" le tracce delle femmine; sarebbe possibile "ritrovarle" nel Libro dei Morti e/o dei Matrimoni ma, purtroppo, i registri più antichi dell'archivio di Ca' Venier sono ridotti male e non so ancora per quanto tempo risulteranno consultabili.

Altre due considerazioni.

1) Un discendente di Giuseppe (Felice Franzoso, mio avo diretto) è pure soprannominato "TRECCANO": non vorrei che tale cognome riveli che i Cassardin erano adriesi provenienti dalla Contrada "Tre Cani", Rione storico a Ovest della Cattedrale. Colà esisteva uno scolo ormai interrato ed un famoso ponte ("Ponte Tre Cani").

2) CASSARDIN è un cognome francofono/francese tutt'ora esistente. Visto che "Franzoso" era un sostantivo etnico, vorrei azzardare che probabilmente nel 1500 arrivarono in Adria alcune persone francofone di cognome Cassard; che prontamente la popolazione soprannominò "franzosi" (francesi). Poi nei decenni, come ho già riscontrato centinaia di volte, il soprannome ha preso il sopravvento sul cognome vero e proprio, fino a soppiantarlo. Ecco la mia teoria.....

Scolo Tre cani, ora interrato e relativo Ponte (in giallo), 2020.

Lettera di Fondazione della Chiesa di Ca' Venier, 1684.

Il Gobbo di Rialto ove Il Banditore declarava, 2021.

Loggia dei Bandi a Chioggia, 2021.

Loggia dei Bandi ad Adria, 1772.

Torre civica del XVIII° sec., 2021.

"Colonizzazione" dopo il Taglio di Porto Viro